Cronaca
Molestie alla guardia medica: arrestato Stampa
Sabato 22 Novembre 2014
Marocchino colpito da una ordinanza: i fatti a inizio novembre
(m.pv.) Ha tentato di approcciare la donna di turno alla guardia medica di Cantù. Il tutto con un coltello e dopo averla minacciata con l’arma. Una molestia che la dottoressa è riuscita a sventare, cercando di allontanare l’uomo e poi, non riuscendoci, mettendo in azione l’allarme acustico che ha richiamato sul posto i carabinieri. Il medico, da quanto è stato possibile apprendere, in un primo momento non voleva nemmeno sporgere denuncia visto che la violenza era stata limitata ad un bacio  
 
Incendio doloso in un campeggio di Sorico Stampa
Sabato 22 Novembre 2014
Danni per circa 150 mila euro
Devastante incendio nella notte tra giovedì e venerdì al camping “BootHill” di Sorico. Non ci sarebbero dubbi sul dolo, in quanto sul posto sarebbero state ritrovate taniche contenenti liquido infiammabile utilizzate per innescare le fiamme in diversi punti della struttura.
I danni sarebbero già stati quantificati e all’incirca, da quello che è stato possibile capire, si aggirerebbero attorno ai 150 mila euro.
Il blitz dei malviventi è scattato attorno all’una della notte. Sono  
 
Sospettati di truffe: due fermati Stampa
Sabato 22 Novembre 2014

A CANTU' IN VIA MATTEOTTI
La polizia locale di Cantù nucleo radiomobile ha intercettato un ragazzo e una ragazza in via Matteotti con un terzo uomo poi fuggito. Erano sprovvisti di documenti sono stati condotti in Questura. L'ufficio Immigrazione ha espulso la ragazza, una cilena 19enne. Sono in corso indagini per stabilire se attribuire ai due (il secondo è un peruviano di 18 anni) le truffe messe in atto nella Città del Mobile da cui erano scattate le verifiche della polizia locale.

 
 
Maslianico: denunciati passatori Stampa
Sabato 22 Novembre 2014

A BORDO TRE SIRIANI
Un libanese residente in Germania e un tedesco (entrambi 45enni) sono stati denunciati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. I due sono stati fermati in dogana a Maslianico mentre tentavano di entrare in Svizzera trasportando illegalmente una famiglia di siriani, una coppia con la figlia di 10 anni. I tre extracomunitari sono stati respinti, mentre i passatori sono stati arrestati dalle autorità elvetiche, che hanno sequestrato la loro auto. In Italia è stato avviato un secondo fascicolo e per i due 45enni è scattata la denuncia per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

 
 
A processo per un parcheggio sbagliato Stampa
Sabato 22 Novembre 2014

MOZZATE
Una storia nata nel settembre 2010 si è conclusa ieri mattina in tribunale a Como. Il tutto per un parcheggio sbagliato, che ostruiva l’uscita dal garage di una vicina. Arrivarono i vigili, poi fu recapitata anche una lettera dell’avvocato della famiglia “vittima” del parcheggio. L’accusa formulata: violenza privata, e il fascicolo è proseguito nonostante il ritiro della querela da parte dei vicini. Alla fine il 39enne di Mozzate, che quel giorno era rientrato dalle ferie in piena notte (e per questo aveva parcheggiato l’auto in qualche modo), è comparso in aula. L’imputazione è però stata derubricata in esercizio arbitrario delle proprie ragioni e l’assenza di querela è diventata fondamentale per il successivo «non doversi procedere».

 
 
Ombrellate in corsia Stampa
Sabato 22 Novembre 2014

LA 30ENNE MAROCCHINA
Perizia psichiatrica per una 30enne marocchina, responsabile di calci, schiaffi e ombrellate ai danni di una paziente e di un’infermiera del pronto soccorso del Sant’Anna, ma anche di un medico della Medicina e pure delle guardie intervenute per bloccarla. L’ha deciso il giudice monocratico di Como nel processo che vede la straniera come imputata. È stata dunque accolta la tesi dell’avvocato difensore, Simone Gatto, che ha sottolineato in aula come la 30enne «sia da curare e non da punire». Il fatto risale a metà novembre.

 
 
Aperto un altro “Baby Pit Stop” Stampa
Sabato 22 Novembre 2014

A COMO IN VIA ITALIA LIBERA
L’Unicef ha riconosciuto ieri il secondo Baby Pit Stop di Como all’ufficio Nidi di via Italia Libera. L’altro è attivo in via Valleggio all’interno del Bar Ristorante Centodieci. Le mamme potranno utilizzare gli spazi per l’allattamento dei piccoli o per il cambio del pannolino.

 
 
Turisti vittime di furti Colpi per 35mila euro Stampa
Sabato 22 Novembre 2014
Tra Menaggio e Tremezzo
Due episodi analoghi avvenuti nella stessa giornata e ai danni di turisti che avevano la casa per le vacanze sul Lario. A differenziare i fatti, solo la nazionalità delle vittime, in un caso tedeschi, nell’altro inglesi. Due furti sono stati commessi nel pomeriggio di giovedì da alcuni ignoti che, dopo aver rotto i vetri delle abitazioni, si sono introdotti nelle case di proprietà di una famiglia in arrivo dalla Germania (a Tremezzo) e dall’Inghilterra (a Menaggio).
Importante il bottino  
 
A Muggiò manifesti di un sito hard Ceruti al Comune: «Rimuoveteli» Stampa
Sabato 22 Novembre 2014
(a.cam.) La pubblicità di un sito hard svizzero, nascosta dietro l’invito “È Natale? fatti un regalo”, scatena una polemica a Palazzo Cernezzi. Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Luca Ceruti ha presentato un’interpellanza e chiede la rimozione dei manifesti affissi in città. Il portale pubblicizzato è vietato ai minori di 18 anni. «Stiamo valutando con gli uffici legali se ci siano gli estremi per far togliere i cartelloni», dice l’assessore al Commercio, Paolo Frisoni.Leggi tutto...  
 
Il vescovo all’Arma: «Grazie a nome di tutta la comunità» Stampa
Sabato 22 Novembre 2014

Virgo fidelis in Cattedrale
I carabinieri di Como hanno celebrato ieri alle 11 la Virgo fidelis, patrona dell’Arma, con una messa in Duomo presieduta dal vescovo Diego Coletti (nella foto Fkd). In Cattedrale erano schierate le autorità civili e militari e le rappresentanze dell’Associazione nazionale carabinieri. Fedeltà e tenacia sono stati i concetti più volte richiamati dal vescovo, che ha ringraziato l’Arma «a nome di tutta la comunità». Ieri si è celebrata anche la Giornata dell’orfano ed «è proprio a loro – scrivono i carabinieri – che va rivolto il più sentito pensiero di vicinanza e conforto».

 
 
Padre Donato Ogliari abate di Montecassino Oggi la cerimonia Stampa
Sabato 22 Novembre 2014

Clero
Sono partiti anche tanti assesi alle volte di Montecassino per assistere alla solenne cerimonia di insediamento di padre Donato Ogliari (foto), novo abate di Montecassino. Nato a Erba 58 anni fa, cresciuto a Asso, è stato abate del Monastero di Santa Maria della Scala in Noci, in provincia di Bari. La nomina è stata fatta da Papa Francesco. Entrato da ragazzo nell’Istituto Missioni Consolata, Donato Ogliari vi ha percorso l’iter formativo fino al sacerdozio. Dopo il liceo classico, ha frequentato il biennio filosofico a Torino e il triennio di Teologia a Londra.

 
 
Bassone, si toglie la vita il matricida di Erba Stampa
Giovedì 20 Novembre 2014

altÈ il terzo suicidio in un mese. Il legale: «Martedì scorso era tranquillo»
Il colpo alla testa sparato nel luglio scorso nella casa di Erba all’anziana mamma invalida, probabilmente, era un peso insopportabile. Al punto da spingere Massimo Rosa, 63 anni, a farla finita per sempre. L’uomo, accusato di omicidio volontario, si è tolto la vita all’alba di ieri nell’infermeria del carcere di Como. Si tratta del terzo suicidio in un mese al Bassone.
«È inconcepibile, c’è un’emergenza e chi di dovere se ne deve occupare», dice il legale di Rosa, Gianluca Giovinazzo.

 
 
Cittadella, una tesi di laurea riaccende il dibattito sul futuro Stampa
Giovedì 20 Novembre 2014

altIl destino dell’ex Sant’Anna
Volumi ridotti di un terzo, i piani bassi del monoblocco trasformati in uno spazio aperto, un polo tecnologico, attività pubbliche con funzioni innovative, una stazione di interscambio, sentieri ciclo-pedonali. La tesi di laurea di due architetti comaschi diventa l’occasione per riprogettare l’area di via Napoleona, con una visione futuristica e ampliata della cittadella sanitaria.
Il lavoro è stato presentato ieri al Teatro Sociale in un incontro organizzato da azienda ospedaliera Sant’Anna, Ordine degli architetti e Comitato Cittadella della salute.

 
 
Divani, blitz in azienda cinese Stampa
Giovedì 20 Novembre 2014

altSospesa l’attività di una ditta di Cermenate
(a.cam.) Blitz dei carabinieri in un’azienda cinese di Cermenate che si occupa di produzione e assemblaggio di divani per conto di una importante ditta brianzola. I militari dell’Arma hanno scoperto sei lavoratori completamente in nero e una serie di irregolarità sulle normative di sicurezza e hanno quindi ordinato la sospensione delle attività oltre a sanzioni amministrative per 25mila euro e ammende per quasi 48mila euro.
Il mese scorso, nel capannone era scoppiato un incendio e i vigili del fuoco intervenuti avevano notato una situazione sospetta.

 
 
Autista aggredito. Condannato 48enne Stampa
Giovedì 20 Novembre 2014

(m.pv.) Un anno e 11 mesi di condanna e 3.000 euro di provvisionale in risarcimento del danno. È questa la decisione del giudice di Como per il 48enne che a settembre aveva aggredito un autista di Asf fermo alla fermata del Sant’Anna. La vittima - costituita in aula e assistita dall’avvocato Massimiliano Galli - aveva ricevuto più pugni al volto e un colpo di forbice al braccio. L’autista della linea 1 era intervenuto cercando dapprima di calmare lo scomodo passeggero che stava già importunando i passeggeri, per poi essere a sua volta aggredito dal 48enne che è poi stato arrestato e processato.

 
 
Lions Club Como Host e università. Premiate le migliori matricole Stampa
Giovedì 20 Novembre 2014

altLunedì la cerimonia
Diciannovesima edizione per la premiazione del Lions Club Como Host, che il prossimo 24 novembre nella Sala Bianca del Sociale, alle ore 20, consegnerà i riconoscimenti ai migliori otto studenti immatricolati ai corsi di laurea magistrale nelle sedi comasche degli atenei (Università dell’Insubria, Politecnico e Conservatorio).
L’associazione ha stanziato 5mila euro che saranno devoluti agli studenti con il migliore rendimento, tenendo anche conto della loro provenienza.

 
 
Via Dante, da lunedì cantiere notturno per una nuova condotta idrica Stampa
Venerdì 21 Novembre 2014

In via Dante, a Como, sono iniziati i sondaggi del sottosuolo per definire il tracciato su cui collocare la nuova condotta idrica. Il tratto interessato è tra le vie Ciceri e San Martino.

 
 
Quel tombino aperto accanto al parco giochi Stampa
Giovedì 20 Novembre 2014

alt(f.bar.) Un tombino aperto, proprio alle spalle di un parco giochi per bambini. È quanto si può vedere a Tavernola, in via Traù. La furia del maltempo di questi ultimi giorni ha infatti letteralmente fatto saltare il coperchio di un tombino che è poi ripiombato nella fogna piegandosi di traverso. Sporgendosi nel vuoto è possibile vederlo appoggiato alcune metri sotto il livello del terreno, in mezzo a rifiuti e detriti di ogni genere.
I residenti, incontrati ieri mattina lungo la strada, hanno confermato come, ormai da alcuni giorni, la situazione di pericolo sia sotto gli occhi di tutti.

 
 
’Ndrangheta senza fine nel Comasco. Altri 38 arresti: sgominati due “locali” Stampa
Mercoledì 19 Novembre 2014

altguarda il video
Le cellule operavano tra Fino Mornasco e Cermenate. Filmata l’affiliazione

Una nuova retata, avvenuta a tre settimane di distanza dalla precedente operazione “Quadrifoglio” che aveva messo sottosopra le famiglie Muscatello e Galati tra Mariano Comense e Cabiate. La Dda è tornata a bussare alle porte degli affiliati alla ’ndrangheta in provincia di Como.
E anche questa volta il risultato è stato impressionante. Sono trentotto (35 in carcere) le persone colpite dall’ordinanza di custodia cautelare nata dall’operazione “Insubria”, riunite in due nuovi locali

 
 
Studiavano anche un attentato a un avvocato comasco. Minacciato il sindaco di Fino Stampa
Mercoledì 19 Novembre 2014

altguarda il video

Nuovo blitz nella notte

Il giudice sul paese comasco: «Rilevante allarme sociale»
C’è il sindaco minacciato con una croce e una bomba a mano, ma anche l’avvocato nel mirino di un attentato. Sono inquietanti le quasi 900 pagine dell’ordinanza eseguita ieri mattina. 
Partiamo da una tentata estorsione clamorosa, ai danni di un legale del foro di Como “colpevole” di aver aiutato (con il proprio legittimo lavoro) una società olandese a recuperare - in una controversa giudiziaria - almeno la metà di un credito vantato, 220 mila euro su oltre 500 mila.

 
 
Ecco tutti i nomi dei fermati Stampa
Mercoledì 19 Novembre 2014

Il lungo elenco
Ecco i nomi di tutti i colpiti dall’ordinanza di custodia cautelare di ieri tra carcere e domiciliari. In cella sono finiti Giuseppe Puglisi, inteso “Melangiana” (53 anni, Cermenate); Antonino Mercuri, inteso “Pizzicaferro” (64 anni, Airuno); Antonio Mandaglio, inteso “Occhiazzi” (60 anni, Carenno); Michelangelo Chindamo (61 anni, Cadorago); Angiolino Adducci (63 anni, Lentate sul Seveso); Pasquale Ambesi (55 anni, Cadorago); Giuseppe Monteleone (25 anni, inteso “Baciulo”, Bregnano); Marco

 
 
'Ndrangheta, maxi retata all'alba nel Comasco Stampa
Martedì 18 Novembre 2014

20014 11 18 ilda baccassini ndrangheta procura milano mafia copiaDuro colpo alla 'Ndrangheta. Una  maxi retata è stata compiuta all'alba di oggi tra Comasco, Lecchese e Brianza, oltre che nel Milanese, nel Veronese e nella Bergamasca.

 
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 17

editoriale_lariana_servizi

libri_editoriale_orizzontale